Google+ Followers

venerdì 20 aprile 2018

♥ La mia amata primavera ♥

Buon pomeriggio a tutti e ben ritrovati!
Ormai qua la primavera sembra arrivata e io sono più contenta che mai! 
Io amo la primavera e amo fare foto, quindi ogni momento è buono per scattare! durante le passeggiate soprattutto adoro fotografare i fiori, anche se al momento non dispongo di una reflex, ma nell'estate la acquisterò 

Ecco qua una carrellata di foto e citazioni sulla primavera...


“Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre... Ma non può contenere la primavera.” 
MAHATMA GANDHI

“Voglio fare con te ciò che la primavera fa con i ciliegi.” 
PABLO NERUDA


“L'autunno è una seconda primavera dove ogni foglia è un fiore.” 
ALBERT CAMUS

“Non importa quanto freddo sia l'inverno, dopo c'è sempre la primavera.” 
EDDIE VEDDER


“Potranno tagliare tutti i fiori ma non fermeranno mai la primavera"
  PABLO NERUDA


“V'è qualcosa nella primavera che non si può esprimere a parole.” 
ISAAC BASHEVIS SINGER

“Se non avessimo l'inverno, la primavera non sarebbe così piacevole: se qualche volta non provassimo le avversità, la prosperità non sarebbe così gradita.” 
ANNE


“La primavera è l'urlo d'amore della natura.” 
ANDREA BARANI


I fiori della primavera sono i sogni dell’inverno raccontati, la mattina, al tavolo degli angeli.
(Khalil Gibran)


Adoro la primavera: mi insegna di nuovo il passo leggero di chi sa dove sta andando e perché.
(Fabrizio Caramagna)


Ogni filo d’erba sembra contenere una biblioteca dedicata alla meraviglia, al silenzio e alla bontà.
(Fabrizio Caramagna)

La primavera non è primavera se non arriva troppo presto.
(Gilbert Keith Chesterton)
Il primo giorno di primavera è una cosa, e il secondo giorno di primavera è un altro. La differenza tra loro a volte è grande come un mese.
(Anonimo)










sabato 14 aprile 2018

♥ Una domenica tra Bobbio e Piacenza ♥

Buongiorno raggi di sole! 
Come state?
Io benissimo, finalmente la primavera è arrivata e io sono più felice che mai!

Domenica scorsa io ed il mio ragazzo abbiamo deciso di fare una gita,alla ricerca di posti mai visti...e il navigatore ci ha portati fino a Bobbio, in provincia di Piacenza.

"Bobbio è un comune italiano della provincia di Piacenza in Emilia-Romagna. Piccola città di origine romana, Bobbio si trova nella media val Trebbia
La città è sede della nuova Unione di comuni: Unione Montana Valli Trebbia e Luretta. È una meta turistica nota per il suo passato di arte e cultura.
Il centro storico ha mantenuto intatte le caratteristiche del borgo medievale. Simbolo della cittadina il Ponte Gobbo (o Ponte del Diavolo), un ponte in pietra di origine romana, che attraversa il fiume Trebbia con 11 arcate irregolari. Domina il Santuario di Santa Maria in Monte Penice, che si trova sulla cima del monte omonimo."


Ecco ciò che abbiamo visitato durante la mattinata...

Abbazia di San Colombano


L'abbazia di San Colombano è un monastero che venne fondato da san Colombano nel 614 a Bobbio, in provincia di Piacenza, ed un tempo sottoposto alla sua regola monastica e all'ordine di San Colombano.
Attualmente la basilica è una parrocchia del vicariato di Bobbio, Alta Val Trebbia, Aveto e Oltre Penice della diocesi di Piacenza-Bobbio.
Sorge nel centro del tessuto urbano della cittadina, che si formò poco per volta attorno alla vasta area occupata dal monastero.


Il Duomo 


Il duomo di Bobbio o concattedrale di Santa Maria Assunta, è una chiesa parrocchiale di Bobbio in provincia di Piacenza, cattedrale fino al 1986 della diocesi di Bobbio, successivamente, fino al 1989, concattedrale dell'arcidiocesi di Genova-Bobbio, ora concattedrale della diocesi di Piacenza-Bobbio e sede del vicariato di Bobbio, Alta Val Trebbia, Aveto e Oltre Penice. 
Sorge nel centro del tessuto urbano della cittadina, che si formò poco per volta attorno alla vasta area fra l'abbazia di San Colombano e la piazza del Duomo: si tratta del borgo medioevale detto "borgo intrinseco", l'odierno centro storico, che conservò l'originale denominazione di Bobium.
Complesso del duomo oltre alla chiesa concattedrale si compone di vari edifici, il Palazzo vescovile con il Museo diocesano della Cattedrale, i giardini e l'oratorio, ed il Vecchio seminario oggi sede degli Archivi storici bobiensi con il chiostro seicentesco.




Piazza Santa Fara con l'Abbazia



Bobbio è un piccolo borgo che non avevamo mai visitato prima,ma ne è valsa veramente la pena!



Nel pomeriggio ci siamo spostati a Piacenza,per fare un giro in centro 

"Piacenza è un comune italiano di 102 607 abitanti, capoluogo dell'omonima provincia dell'Emilia-Romagna.
È soprannominata la Primogenita perché nel 1848 fu la prima città italiana a votare con un plebiscito l'annessione al Regno di Sardegna."

Ecco quello che abbiamo visto :)

Basilica di Sant'Antonino



La basilica di Sant'Antonino, patrono di Piacenza, è un esempio di architettura romanica ed è caratterizzata da una grossa torre ottagonale. Ha la dignità di basilica minore.


Palazzo Comunale



Il palazzo Comunale di Piacenza sorge in piazza dei Cavalli. È detto dai piacentini il Gotico.


Basilica di San Francesco d'Assisi



La basilica di San Francesco d'Assisi anche detta chiesa di San Francesco d'Assisi è una antica chiesa di Piacenza. Fu costruita tra il 1278 e il 1363 per volontà del ghibellino Umbertino Landi.




Duomo di Piacenza




La cattedrale di Santa Maria Assunta e Santa Giustina è il principale luogo di culto cattolico di Piacenza, chiesa madre dell'omonima diocesi. Ha la dignità di basilica minore.



Insomma, se volete fare una gita fuori porta senza stare via un weekend, vi consiglio vivamente questa opzione, tra architettura, storia e buon cibo!





















sabato 7 aprile 2018

♥ Un venerdi a Pistoia ♥

Ciao a tutti e ben ritrovati sul mio blog! 
Venerdi 30 Marzo sono stata con il mio ragazzo a Pistoia, vi mostro cosa abbiamo visitato 

Pistoia è un comune italiano di 90 363 abitanti, capoluogo dell'omonima  provincia in Toscana nell'Italia Centrale. Pistoia è stata Capitale italiana della cultura 2017.

Monumenti e luoghi d'interesse

Cattedrale di San Zeno:


La Cattedrale di San Zeno, intitolata a San Zeno vescovo, che custodisce al suo interno l'altare argenteo
di San Jacopo. Costruita nell'alto medioevo, fu distrutta da due incendi e quindi ricostruita nel XIII secolo e successivamente rimaneggiata fino all'epoca moderna. Il suo aspetto esterno risale al XIV secolo; l'interno a tre navate è originario del Trecento, abbellito da affreschi seicenteschi e numerosi quadri. Sotto al presbiterio si trovano i resti visitabili di una villa romana di età imperiale e della chiesa originaria. L'altare di San Jacopo, a cui lavorò anche Filippo Brunelleschi, è un capolavoro dell'oreficeria sacra e fu realizzato tra il 1287 e il 1456.


Campanile del Duomo:


Il campanile del Duomo, costruito su di un'antica torre di origine longobarda in stile romanico, è diviso in tre ordini di loggette e provvisto di cella campanaria con tanto di cuspide che a causa di terremoti che flagellarono la città in epoca tardo-medievale venne rifatta più volte. Costruito nel XII secolo, l'aspetto attuale risale al 1576; raggiunge un'altezza totale di 67 metri ed è uno dei più bei campanili d'Italia.


Battistero di San Giovanni:


Il Battistero di San Giovanni in corte del XIV secolo, in stile gotico, con decorazioni in marmi bianco-verdi. A pianta ottagonale e sormontato da una pittoresca cupola, progettato dalla bottega del celebre Andrea Pisano; al suo interno custodisce un fonte battesimalerisalente al 1226.


Palazzo dei Vescovi:


Il Palazzo dei Vescovi composto da loggiato, al primo piano, in stile gotico e restaurato nel 1981. I sotterranei sono arricchiti da un importante percorso archeologico con scavi in sito di una stele etrusca di tipo fiesolano, una fornace romana e di tratti di mura dell'antica Pistoriae. Da non molti anni è aperto al pubblico ed è un raro esempio di museo dello scavo stratigrafico. Costruito sotto forma di palazzo fortificato nell'anno 1000, l'aspetto attuale risale al XII secolo quando fu trasformato in palazzo signorile; fu la residenza dei vescovi per ben 8 secoli.

Palazzo Pretorio:


Il Palazzo Pretorio o del tribunale anch'esso in stile gotico (ha perso negli interni parte del suo stile a causa dei lavori di ampliamento condotti nell'Ottocento). È famoso per il suo cortile interno con gli stemmi dei magistrati. Costruito nel XIV secolo e pesantemente rimaneggiato nell'Ottocento, fu da sempre la dimora di coloro che amministravano la giustizia. L'aspetto esterno, tuttavia, è simile all'originario. L'altra sede del Tribunale è il Palazzo San Mercuriale, dal nome del primo vescovo di Forlì, a cui era dedicato un monastero anticamente qui collocato.

Chiesa di San Giovanni Fuoricivitas:


Chiesa di San Giovanni Fuorcivitas, con un'ampia decorazione in marmi bianchi e verdi. Iniziata nel XII secolo, fu ampliata nel XIV. All'interno si trovano bellissime opere scultoree, come il pergamo di Fra' Guglielmo da Pisa, scolpito nel 1270, e la celebre Visitazione di Luca della Robbia, in terracotta invetriata, del 1445. Nell'interno sono da notare l'acquasantiera di Giovanni Pisano e il polittico medievale di Taddeo Gaddi, che rappresenta la Madonna in trono con San Iacopo, San Giovanni Evangelista, San Pietro e San Giovanni battista. Interessanti anche il crocifisso e il chiostro romanico, entrambi del Duecento.


Pistoia è proprio una piccola chicca per chi la visita, ricca di storia e cultura mozzafiato 





Vi lascio qua sotto il mio canale youtube !!!

https://www.youtube.com/channel/UCScwfR78PkuEUQDSXj3yDTA?view_as=subscriber